Audio e social media: e se il futuro fosse in questa direzione?

Audio e social media sono due “concetti” distanti, ma che potrebbero avvicinarsi sensibilmente nei prossimi anni. Questa è la previsione del MIT Institute of Technology, che ha provato a tirare le somme dopo aver compreso attraverso gli ultimi dati che i contenuti audio sono diventati parte integrante della nostra vita digitale.

immagine di un microfono per articolo su audio e social media

La messaggistica audio è disponibile da anni ormai e i contenuti vocali su WhatsApp sono decisamente comuni. Questo fenomeno è aumentato durante la pandemia, con queste funzionalità che sono diventate un nuovo modo per connettersi e rimanere in contatto con le persone utilizzando un’alternativa alle videocall di Zoom. 

Secondo il MIT, una nuova ondata di app sta sviluppando i propri servizi sull’immediatezza dell’audio come esperienza di base, rendendo la voce il modo in cui le persone si connettono day by day. Dalle telefonate alla messaggistica e di nuovo all’audio, il modo in cui utilizziamo i nostri telefoni potrebbe quindi chiudere il cerchio.

Tanya Basu, redattrice di MIT Technology Review, fa riferimento a nuove realtà come Clubhouse – l’app che ha debuttato lo scorso anno con recensioni molto positive – e Discord – che soprattutto tra i videogiocatori è di grande popolarità – Entrambe all’apice ma senza dovute garanzie dal punto di vista della sicurezza dei dati, il livello di moderazione e l’organizzazione generale.

Per esempio, alcuni autori fanno riferimento a situazioni in cui Clubhouse ha addirittura incluso anche estremisti di estrema destra che hanno utilizzato il servizio per organizzare il raduno della supremazia bianca di Charlottesville e la recente insurrezione al Campidoglio degli Stati Uniti. Non è sicuramente colpa dell’app, ma questo significa che la dimensione della sicurezza dei dati è comunque un elemento da tenere in grande considerazione si sta parlando di queste piattaforme.

“Sia in Discord che in Clubhouse, la cultura del gruppo – giocatori nerd nel caso di Discord, venture capitalist troppo sicuri di sé per Clubhouse – ha portato a casi di pensiero di gruppo che possono essere scoraggianti nella migliore delle ipotesi e bigotti nel peggiore dei casi. Eppure c’è innegabilmente un fascino. Non è bello parlare ed essere letteralmente ascoltati? Dopo tutto, questa è la promessa fondamentale dei social media: la democratizzazione della voce”.

Tanya Basu, MIT

immagine di un mixer per l'articolo su audio e social media

L’intimità della voce rende i social media audio molto più attraenti nell’era dell’allontanamento e dell’isolamento sociale. Jimi Tele, CEO di Chekmate, un’app di appuntamenti “senza testo” che collega gli utenti tramite voce e video, afferma di voler lanciare un’app che sia “a prova di pesce gatto”, riferendosi alla pratica di ingannare gli altri online con falsi profili.

“Volevamo abbandonare l’anonimato e la ludicizzazione consentiti dai messaggi di testo e creare invece una comunità radicata nell’autenticità, in cui gli utenti sono incoraggiati a essere se stessi senza giudizio”, afferma Tele. Gli utenti dell’app iniziano i memo vocali che durano in media cinque secondi e poi diventano progressivamente più lunghi. E mentre Chekmate ha un’opzione video, Tele afferma che le diverse migliaia di utenti dell’app preferiscono in modo schiacciante usare solo le loro voci. “Sono percepiti come meno intimidatori [dei messaggi video]”, dice.

Anche le società di social media tradizionali stanno entrando in azione. Nell’estate del 2020, infatti, Twitter ha lanciato i tweet vocali , consentendo agli utenti di incorporare la propria voce direttamente nella propria timeline. E a dicembre,  ha lanciato una funzione chiamata Spaces (in beta) per conversazioni audio dal vivo moderate dall’host tra due o più persone.

“Eravamo interessati a sapere se l’audio potesse aggiungere un ulteriore livello di connessione alla conversazione pubblica”.

Rémy Bourgoin, ingegnere software senior del team di tweet vocali di Twitter e Spaces

Da questo punto di vista, è importante tenere conto anche dell’aspetto relativo alla Moderazione dei contenuti. La moderazione dei contenuti nell’audio è molto più difficile che nel testo, come afferma la stessa Tanya. Testo ricercabile e i cosiddetti “automoderators” sono stati utilizzati con un certo successo, ma moderatori umani sembrano essere il modo più efficace per bloccare le persone che non rispettano le normative delle community.

Per le piattaforme in cui le persone possono entrare in qualsiasi momento e chattare, la stessa democratizzazione che rende l’audio attraente crea un incubo con moderazione. “Questa è sicuramente una sfida enorme con qualsiasi piattaforma generata dagli utenti”, ha afferma Austin Petersmith, che ha lanciato Capiche.fm in versione beta lo scorso anno. Il sito è una sorta di programma radiofonico in chiamata: gli host si chiamano a vicenda per avviare lo spettacolo e invitano gli ascoltatori a intervenire mentre sono “in onda”. 

Con questi esempi è facile capire che i grandi colossi del digitale stiano puntando molto sui nuovi approcci audio per gli utenti. I social network audio, infatti, sembrano offrire qualcosa che i social media tradizionali non possono offrire. 

Uno dei principali vantaggi del formato è il modo in cui offre agli utenti la connessione immediata di una chiamata vocale o video, ma alle loro condizioni. Le telefonate e le chiamate Zoom richiedono un po ‘di pianificazione ma i contenuti audio dei social media possono essere creati e ricevuti a proprio piacimento in un modo che gli avvisi di notizie, le notifiche e il doomscrolling non consentono.

Curiosità: abbiamo parlato molto, negli ultimi mesi, di contenuti audio e soprattutto podcast: ecco alcuni articoli correlati che potrebbero interessarti dopo aver letto questo!

Condividi la tua opinione