Il Natale 2020 visto dai social: trend, dati, contenuti

Come l’anno scorso, abbiamo pensato di raccogliere quante più informazioni in merito al Natale 2020 con l’obiettivo di raccontare il fenomeno sui social quest’anno, un periodo inevitabilmente differente da tutti gli altri.

immagine di oggetti messi in ordine stile albero di Natale

Tra dati, trend e contenuti, fare un riassunto di queste festività dal punto di vista del mondo digital è sicuramente importante e permette anche di fare delle vere e proprie previsioni per il 2021, soprattutto in ambito di trend contents.

Che non sarà un Natale convenzionale non lo confermano solo i dati, ma soprattutto le scelte e le strategie messe in atto da parte delle piattaforme e compagnie digitali che vanno tutte nella stessa direzione: cavalcare l’onda di un Natale 2.0 nell’attesa di un ritorno alla normalità.

Di seguito vi raccontiamo tutte le novità di questo Natale dal punto di vista dei social: nuove abitudini di consumo, i nuovi trend natalizi su Spotify e i principali social, gli spunti dal report 2020 di Facebook e le previsioni in merito al mondo dell’e-commerce tra la fine di dicembre 2020 e la prima metà del 2021.

I trend natalizi di Spotify

immagine di una famiglia che addobba l'albero di Natale

Nel corso di quest’anno, gli ascoltatori di Spotify in tutto il mondo hanno già ascoltato più di 6,5 miliardi di minuti di musica natalizia – con più di 37 miliardi di stream effettuati su Spotify dal lancio della piattaforma nel 2008.

In Italia, la canzone a tema natalizio più ascoltata nell’ultimo anno, con oltre 4 milioni di stream, è “All I want for christmas is you” di Mariah Carey, che risulta anche tra le più ascoltate a livello globale.

A settembre e ottobre gli utenti hanno ascoltato la playlist natalizia più popolare, “Christmas Hits”, molte più volte rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti.

A Ottobre 2020 la Top ten Christmas songs ha registrato un aumento del 25% di ascolti rispetto a ottobre 2019.

Rispetto agli anni scorsi, quando gli ascolti avvenivano prevalentemente nel weekend, gli ascolti dei brani natalizi sono in aumento nei giorni feriali.

Natale 2020: nuove abitudini di consumo

foto di persone davanti all'albero di Natale

Secondo uno studio realizzato da AlixPartners la maggioranza degli italiani è molto o estremamente preoccupato per le finanze personali, più di ogni altra nazionalità europea coinvolta (francesi 44%, tedeschi e inglesi 38%). Non solo. Mentre il 75% degli americani prevede di spendere lo stesso ammontare o di più rispetto allo scorso anno, la maggioranza degli italiani prevede invece di spendere meno, a conferma di un atteggiamento cauto e prudenziale nei confronti del futuro.

Un trend ribadito anche dai dati di un’indagine Izi con Comin & Partners, che rileva come il 34% delle famiglie italiane spenderà meno di 100 euro per i regali. Se a Natale 2019 la spesa media si attestava intorno ai 340 euro, quest’anno la stima è di circa di 236 euro, con significativa variazione al ribasso (-31%).

A fare da protagonista in questo contesto sarà più che mai l’eCommerce, già cresciuto a doppia cifra nel corso dell’anno. Secondo il sondaggio di Izi con Comin & Partners a scegliere il commercio online sarà il 46% degli italiani. In caso di lockdown nazionale, tuttavia, si stima un calo globale del fatturato del 20% rispetto al 2019 (25 miliardi di euro in meno) che le performance positive del canale online non sarebbero comunque in grado di compensare.

Giocattoli, food, tessile e lusso: ecco le 4 categorie principali che corrisponderanno ai migliori trend di consumo in queste settimane.

Natale 2020: qualche spunto dal report completo di Facebook

foto di una persona che tiene in mano un regalo di Natale

Facebook ha realizzato una ricerca sullo shopping a livello globale intervistando consumatori in 31 mercati. Ecco i 5 punti chiave del report:

1. La generazione X e i baby boomer dominano la crescita globale dell’e-commerce e degli acquisti da mobile a Natale.

Tra gli intervistati, in media il 72% della Generazione X e il 50% dei Baby Boomer afferma di aver trascorso più tempo sui dispositivi mobili durante l’epidemia da COVID-19. La pandemia ha incoraggiato le persone più anziane ad avere più fiducia negli e-commerce tanto è vero che ad oggi oltre l’80% di Baby Boomer e dei Generazione X effettuano acquisti online.

2. Il self-gifting e lo shopping stagionale per coccolarsi durante i periodi difficili.

Farsi un piccolo regalo lussuoso è un’azione gratificante che migliora l’umore e lo mantiene positivo. A partire da metà febbraio 2020, in Cina, Alibaba ha registrato un aumento delle vendite di cosmetici per gli occhi del 150%. Durante la settimana del 16 marzo 2020, in Francia, le vendite di saponi di lusso per le mani sono aumentate dell’800% e Zalando ha registrato un un boom nella vendita di prodotti per la cura della persona. Dal report di Facebook risulta inoltre che una media del 74% degli acquirenti mondiali intervistati è alla ricerca di regali per sé durante il periodo natalizio.

3. Le situazioni di emergenza alimentano la ricettività per nuovi prodotti e servizi.

La pandemia ha spronato i consumatori a provare cose nuove, una tendenza che si integra perfettamente con la stagione natalizia: infatti il 64% dei consumatori afferma di aver provato nuovi prodotti durante il periodo festivo più che nel resto dell’anno.

4. La recessione economica accelera la crescita delle promozioni natalizie.

Il 43% degli intervistati si aspetta un impatto notevole della pandemia sulle loro finanze, motivo per cui sono spronati ad acquistare i regali durante periodi promozionali come il Black Friday e il Cyber Monday. L’anno scorso, una media del 54% degli acquirenti natalizi globali intervistati ha comprato qualcosa durante le promozioni di Natale e oltre il 43% degli intervistati ha acquistato con le offerte del Black Friday.

5. La nuova formula dei valori: accessibilità, autenticità e azione.

Una media del 74% delle persone intervistate vuole vedere durante il Natale attività di brand su Facebook e Instagram: le offerte e i prezzi sono importanti tanto quanto l’autenticità e valori condivisi dall’azienza – soprattutto durante questo periodo di crisi.

The best gifts for ad insiders, from ad insiders – I consigli di Ad Age

Anche il celebre magazine Ad Age ha condiviso i suoi tips per questo Natale digitale. 

Se ti stai chiedendo: “Qual è il regalo perfetto per il mio collega preferito?” Oppure, “Cosa dovrei ottenere a quel manager che mi invia troppe risposte di una sola parola per il mio conforto?” E anche: “Cosa regalare a tutta la mia squadra per suscitare gelosia nel resto dell’azienda?” Questa è la lista che fa per te. Abbiamo intervistato le persone delle agenzie in tutto il paese per proporre un’ampia varietà di regali che coprono tutto, dai forni per pizza all’aperto alle consulenze per la cura della pelle personalizzate, e spaziano dallo spirito sarcastico agli sforzi più sinceri per promuovere lo stare insieme. I criteri più 2020 in assoluto: non un singolo elemento in questo elenco richiede che tu esca dal comfort di casa tua. Buon shopping online e buone feste da tutti in Ad Age. Stay safe.

Ad Age Studio 30

Il magazine ha creato diverse sezioni in cui consiglia vari Tips di acquisto digitale in base ai trend di consumo e abitudini personali degli utenti, dopo aver svolto un’intervista a decine di marketers d’oltreoceano.

Le recenti campagne natalizie più interessanti

immagine di una campagna Gucci per il Natale

Anche le recenti campagne adv ci raccontano che non sarà un Natale come gli altri. Non per forza in negativo, però, perché si tratta di contenuti studiati ad hoc che vogliono comunicare spensieratezza e necessità di “fermare il tempo”. Ecco che, appunto, cambiano le modalità di condivisione: video social, video per il waiting time, contenuti spensierati.

Il settore della moda, per esempio, ha risposto lanciando contenuti per suggerire situazioni di ordinaria felicità.

Ecco alcuni esempi virtuosi: Il direttore creativo di Gucci Alessandro Michele ha pensato per la nuova campagna Gift Giving della maison una serata speciale, ambientata negli anni ’90, con un ufficio dai toni grigi che si trasforma in un palcoscenico del divertimento ultra-colorato, in un mix tra dancefloor, nightclub e bar. Realizzata dal fotografo Mark Peckmezian e dal regista Akinola Davies Jr, la video-clip inscena infatti una festa quasi improvvisata che, al termine della giornata lavorativa, fa scatenare tutti sulle note di una musica pop anni ’80.

Etro che, per l’occasione, ha lanciato la speciale capsule collection Toys. Protagonista è un gruppo di amici che si ritrova sotto lo stesso tetto per il fatidico momento dedicato allo scambio dei regali. Tra una partita a scacchi, giochi di magia e addobbi natalizi, tutti si ritrovano a danzare spensierati e allegri battendo il ritmo su un enorme tappetto persiano.

“La nostra selezione Holiday è fatta della stessa sostanza di cui sono fatti i ricordi delle feste.” Ha presentato così, invece, Paul Andrew la nuova campagna pubblicitaria di Salvatore Ferragamo, un inno al desiderio (e all’eleganza) che tra scintillii e festoni sembra accompagnarci alla fatidica notte di San Silvestro.

Condividi la tua opinione