E-commerce, il nuovo motore del mercato. Ecco le prossime novità

Serena Shots.it

Serena Federici

La vendita al dettaglio negli ultimi anni ha subito una drastica trasformazione e ha visto l’e-commerce diventare il fulcro di ogni strategia.

Gli acquisti online in Italia – anche se rappresentiamo il fanalino di coda dell’Unione Europea – nel 2019 supereranno del 15% quelli del 2018 generando transazioni per oltre 31,5 miliardi di euro.

A livello mondiale stesso trend in accelerazione, nel 2017 hanno superato i 2.300 miliardi di dollari, per sfondare nel 2018 la soglia dei 2.800 miliardi. Questi i dati dell’ Osservatorio eCommerce 2019 degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico presentati a Milano al Netcomm Forum 2019.

Oggi il 44% degli italiani acquista online, anche se solo il 10% delle aziende del nostro Paese ha un sito di eCommerce”.

Roberto Liscia, presidente Nettcomm

Foto di Roberto Liscia che parla di e-commerce al Nettcomm Forum

I negozi reali restano il luogo preferito per lo shopping ma proprio per via di questa crescita esponenziale l’omnicanalità sta diventando e deve essere la strategia guida per creare una fruttuosa unione tra i due canali.

La necessità di mettere al centro il consumatore sta dando vita a innovazioni che diventeranno di considerevole importanza nel mondo dello shopping digitale.

Ci saranno novità che permetteranno sempre più agli utenti non solo di interagire con l’azienda con una molteplicità di opzioni ma anche di vivere l’esperienza da più punti d’accesso senza mai interrompere il percorso e altre che contribuiranno a velocizzare, personalizzare e rendere sostenibile il commercio digitale.

Tra queste novità, Caterina Maconi di Wired segnala ben 5 innovazioni che meritano attenzione.

Rajapack

immagine di un packaging Ranpack per e-commerce

La società olandese Ranpak ha costruito una macchina per imballaggi che realizza un cuscino di carta che riesce ad avvolgere completamente il prodotto proteggendolo e isolandolo termicamente dalla temperatura esterna. Da non sottovalutare la componente della sostenibilità, il pacco potrebbe essere privo di plastica e di polistirolo ma comunque compatto e sicuro.

Zendesk

Questa società ha sviluppato un software che permette alle aziende di “seguire il proprio cliente”. La piattaforma Zendesk è il centro operativo che raggruppa le interazioni dei clienti via telefono, chat, email, social media e qualsiasi altro canale immaginabile dando assistenza integrata.

Ad esempio, quando un utente necessita di informazioni e ne discute attraverso una chat: se ci fosse un imprevisto l’azienda, tramite questo software, può raggiungerlo con altri canali, come una telefonata o una mail dedicata.

Reply

L’idea di questa azienda italiana permetterà di avere l’aiuto di un assistente digitale nel mondo della moda. Si potrà personalizzare il prodotto con suggerimenti virtuali, vederlo ambientato attraverso un rendering 3D e procedere all’acquisto direttamente sul sito o in boutique. Reply si rivolge alle grandi maison che devono soddisfare le richieste di clienti di fascia medio alta con elevate aspettative di qualità e di velocità.

Punto Poste da te

È un servizio self service che debutterà a breve e prevede armadietti hi-tech rossi che permettono di usufruire di tutti i servizi offerti da Poste. È disponibile sia per privati che per aziende ed installabile ovunque ci siano almeno 10 utenti interessati. Tra le funzionalità la possibilità di pagare bollettini postali, consegna e resa dei pacchi…

Sapp

Una nuova app, creata da Sap ed integrata a siti per le aziende d’abbigliamento, permetterà, attraverso la fotografia di un prodotto di estrapolarne i tag e rimandare al cliente gli articoli analoghi all’interno dell’e-commerce. La possibilità di poter comprare immediatamente l’articolo visto per caso è il punto fondamentale su cui si è sviluppata e si sta evolvendo quest’idea.

Share your thoughts