L’e-commerce in una risata: ecco l’app Down To Shop

Avatar provvisorio e-commerce Valeria Miscioscia

Valeria Miscioscia

Che l’e-commerce via mobile stia crescendo molto più velocemente rispetto allo shopping da desktop è un trend ormai costante. Funzionalità rapide e coinvolgenti come pagamenti one-click, chatbot intelligenti, contenuti curiosi e realtà aumentata rendono lo smartphone lo strumento più comodo ed utilizzato per comprare online.

Immagine dell'insegna dell'e-commerce Amazon

Lo smartphone fa parte della quotidianità, coinvolge ed emoziona, intrattiene ad ogni ora ed è uno strumento di azione fondamentale. Di pari passo con la corposa diffusione del mobile per gli acquisti online, gli operatori del settore si stanno rendendo conto della necessità di costruire attorno all’utente una vera e propria esperienza di coinvolgimento, fino ad arrivare all’intrattenimento.

La soglia di attenzione dell’utente medio si è abbassata, oggi non basta più presentare i prodotti in un sito-vetrina, bisogna entrare nella quotidianità del pubblico proprio attraverso lo strumento che utilizza di più.

“[Le barriere per chi acquista online sono principalmente due, una è] La mancanza di familiarità con l’e-commerce. E poi molti dicono di non trovare quello che cercano. Ma è invece probabile che chi offre i propri prodotti non abbia aiutato abbastanza il cliente a trovare quello che cercava”

Julian Prat, chief strategy officer di Wavmaker

Un e-commerce fuori dagli schemi

Ad essere interamente mobile ed interattiva è l’app di e-commerce Down to Shop, lanciata il 22 aprile 2019 per i dispositivi iOS (ecco il sito ufficiale) dai giovani statunitensi Cyrus Summerlin e Max Hellerstein, stanchi delle logiche standard di advertising e commercio online.

Screenshot dell'app di e-commerce Down To Shop

Down To Shop vuole affermarsi come “il modo più divertente per fare shopping” ed apre definitivamente la strada verso un nuovo modo di creare engagement, puntando sul divertimento e su contenuti creativi.

“[Con Down To Shop] Abbiamo creato un ambiente consapevole, divertente e di intrattenimento, interattivo, che porta gli utenti ad interagire con i brand come mai prima d’ora – per loro volontà.”

Cyrus Summerlin

All’interno dell’app, l’utente può navigare con semplici swipe attraverso giochi e brevi video che promuovono i prodotti in modo giocoso, realizzati negli studios di Los Angeles in collaborazione con influencers ed alunni della celebre Upright Citizien Brigade.

Immagine dei UCB per l'articolo sull'app di e-commerce Down To Shop

I contenuti video di Down To Shop sono seriali: gli episodi si sviluppano in stagioni di quattro settimane con un episodio al giorno, per un totale di cinque serie per stagione.

Dal rapper stravagante ai fidanzati in terapia di coppia, i protagonisti dei video risultano da subito naturalmente simpatici grazie a battute ironiche ed al contesto colorato e piacevole. In questo modo si suscitano nell’utente fiducia e curiosità, oltre a qualche risata.

I prodotti proposti su Down To Shop si possono acquistare con carta di credito o con Clout, valuta digitale che si ottiene guardando i video o partecipando alle attività.

L’obiettivo di Down To Shop non è essere un mero canale di e-commerce ma proporre “prima il contenuto, poi la pubblicità”: a giudicare dall’accoglienza che ha avuto, ci sta riuscendo benissimo.

Non è la prima volta che parliamo delle nuove frontiere dello shopping online: scopri qui il nostro articolo su Instagram Checkout!

Share your thoughts