Imago o realtà?

Domenica 28 ottobre si è concluso, a Sirmione, IMAGO O REALTà, l’evento dedicato alla fotografia organizzato da Imago@Catullo. Tra gli appuntamenti anche le premiazioni di IPIC, concorso internazionale dedicato a professionisti e dilettanti da tutto il mondo.

La rassegna ha visto la partecipazione di importanti professionisti della fotografia che attraverso un ricco programma di incontri e seminari dedicati hanno potuto raccontare e mostrare i propri lavori.

Diverse le tematiche affrontate, diversi gli approcci e diversi i punti di vista.

Fausto Podavini, fotografo romano specializzato nella fotografia di reportage ha tenuto il workshop ”Progetti a lungo termine: dall’intimistico al documentario”.

I suoi lavori hanno ottenuto riconoscimenti internazionali come The World Press Photo, Poy, Sony, Yves Rocher Grant e sono stati pubblicati da importanti riviste internazionali, tra le quali LeVie- LeMonde, GEO ES, Stern, Internazionale e National Geographic.

Diego Orlando, è intervenuto con il seminario: “La fotografia fluida, identità di un magazine in movimento”

Vive e lavora a Venezia, è un fotografo indipendente e Photoeditor di BurnMagazine dal 2010. Ha collaborato, tra gli altri, con il Toscana Photographic Workshop ed è l’ideatore del Winephoto contest. Ha pubblicato inoltre su National Geographic Italia e Qui Touring.

Michele Smargiassi, ha presentato ai partecipanti: “Un’autentica bugia. la fotografia, il falso, il vero”

Giornalista e autore. Laureato a Bologna in giornalismo con una tesi sulla Storia della Fotografia è fra i membri del Centro Italiano per la fotografia. Ha svolto numerose inchieste giornalistiche per i principali quotidiani italiani, fra cui l’Unità e La Repubblica. Oggi cura il blog Fotocrazia di La Repubblica ed è autore di diversi scritti.

“Questi sono microcosmi che se non raccontati con la fotografia passerebbero inosservati” Fausto Podavini 

Durante l’evento è stata inoltre esposta “Omo Change” di Fausto Podavini, tra i vincitori del WordPress Photo 2018. Il lavoro iniziato nel 2011 e terminato nel 2017, racconta la costruzione della diga Gibe III sulla Valle dell’Omo in Etiopia, un intervento che sembra aver rotto l’equilibrio uomo-natura e premiato tra i migliori progetti a lungo termine del prestigioso premio internazionale.

Imago immagine d'insieme

Spazio poi a IMAGO PHOTO INTERNATIONAL CONTEST – IPIC, il contest internazionale a cui si sono iscritti 180 fotografi da tutto il mondo che hanno presentato alle valutazioni dei giudici oltre 1200 immagini. Una giuria che ha visto presidente Paolo Pellegrin, fotografo e punta di diamante della scuderia Magnum.

Tre i temi trattati al concorso:

Ritratto, Storytelling e Odi et Amo.

IMAGO@CATULLO è un concentrato di idee e sollecitazioni sensoriali che sfociano in eventi culturali legati al mondo della fotografia con incursioni mirate nell’alta enogastronomia, nella musica e nella poesia. I dibattiti durante i seminari e gli incontri con i professionisti, regalano spunti e riflessioni che permettono ai partecipanti di migliorare e crescere professionalmente e umanamente attraverso la propria passione. Le istantanee presentate dai numerosissimi fotografi iscritti ad IPIC dimostrano la qualità e la creatività presente in opere che rappresentano attraverso le immagini, la personalità, le emozioni e la vita non solo del soggetto ritratto ma anche, e soprattutto, di colui che scatta la fotografia.

Imago Catullo immagine rosa
Imago immagine bianco e nero
Imago immagine fotografia

Share your thoughts